Blog

HomeAggiornamenti NormativiConsegna a domicilio: in pratica come posso gestirla al meglio?

Consegna a domicilio: in pratica come posso gestirla al meglio?

Concludiamo la nostra panoramica sul tema della vendita diretta e a distanza con le considerazioni finali.

Daremo dei suggerimenti che non pretendono di essere esaustivi, in quanto necessitano dell’esame puntuale di ogni specifica situazione. Rappresentano il nostro punto di vista supportato dalle analisi effettuate negli articoli precedenti.

Saremo ben lieti di confrontarci con gli operatori alimentari, consulenti ed esperti del settore, in modo da contribuire ad una gestione il più possibile professionale e conforme ai criteri di legge, ed anche conseguente ai principi etici di ciascuno.

Di conseguenza, riassumiamo le riflessioni:

Nel commercio con vendita diretta al cliente finale, l’operato del settore alimentare, sia esso un ristoratore o un negoziante di alimentari, o altra categoria, assolve all’obbligo dell’informazione mediante l’esposizione del libro ingredienti, listino, o menù e le informazioni sugli allergeni, a disposizione del cliente nel punto vendita. Il cliente ha così a disposizione tutti gli elementi per acquistare in sicurezza. Se fornisce prodotti elaborati in proprio in contenitori pre-imballati, di norma fa riferimento al libro ingredienti e/o all’etichetta appositamente prodotta. Per le merci preconfezionate all’origine ed etichettate dal produttore, l’obbligo è assolto precedentemente, in quanto l’etichetta originale contiene le informazioni di legge.

Ma il tuo cliente dov’era?!

Se il cliente si è recato fisicamente nel negozio di vendita e se la consegna a domicilio viene effettuata successivamente alla conclusione del processo di acquisto nel punto vendita da parte del cliente, non è necessario etichettare le confezioni preparate frontalmente al cliente. Lo stesso cliente ha potuto verificare le informazioni dal vivo sui supporti idonei ed ha potuto chiedere informazioni sugli allergeni al personale di vendita o mescita, opportunamente formati in merito.

Se invece la consegna a domicilio è effettuata a seguito di una semplice telefonata o accordo verbale, a nostro avviso le informazioni devono essere fornite precedentemente l’acquisto e riportate sulle confezioni preparate dall’operatore, in quanto il cliente non ha potuto visionare il libro ingredienti e le informazioni sugli allergeni. Per le merci preconfezionate l’obbligo è assolto all’origine. Alla consegna delle merci tutte le informazioni devono essere disponibili per tutti i prodotti.

Se la consegna a domicilio è frutto di una negoziazione con supporto informatico, sia esso una pagina social o sito aziendale, l’obbligo inizialmente può essere assolto con l’esposizione sul supporto informatico del listino o del menù, comprendenti le informazioni sugli ingredienti e sugli allergeni, salvo poi allegare analoghe informazioni alla consegna.

Se invece viene utilizzato un vero e proprio e.commerce, ogni prodotto esposto nella vetrina on line deve contenere tutte informazioni di legge nella pagina di presentazione, come descritto nei precedenti articoli, oltre a garantire che ogni prodotto consegnato al consumatore rispetti le norme di etichettatura, allergeni compresi. Ricordiamo inoltre che questa modalità deve garantire anche le informazioni da fornire con opportuna etichetta nutrizionale nella presentazione di ogni prodotto. Come normalmente avviene per tutti gli alimenti preconfezionati (salvo apposita lista positiva delle tipologie escluse).

Ma cosa devo fare se ho un e.commerce?

Sottolineiamo che l’attività di e.commerce  è soggetta a specifica normativa ed è  necessario presentare una Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) che ha efficacia immediata, tramite lo Sportello Unico per le attività produttive (SUAP) del Comune.

La SCIA può essere presentata, anche contestualmente alla Comunicazione Unica (ComUnica), presso il Registro Imprese della Camera di Commercio che a sua volta la presenterà al SUAP. Se si effettua il commercio o la somministrazione di prodotti alimentari, occorrerà rispettare alcuni specifici adempimenti igienico-sanitari.

Come abbiamo avuto modo di chiarire, la normativa è molto articolata e richiede particolare attenzione nella sua applicazione.

Siamo a disposizione per approfondire il tema qualora ne sentiate la necessità, indirizzando le vostre richieste a info@centauris.it.

Per l’analisi di massima ricordiamo il nostro servizio di Check Up Consegne a domicilio

https://www.centauris.it/product/consulenza-sicurezza-alimentare-check-up-consegne/ ,

che comprende anche una verifica dell’adeguatezza del Manuale Haccp per la parte Consegna a Domicilio, in riferimento alle nuove precisazioni ed integrazioni definite dalle recenti circolari in merito.

Vi ringraziamo per l’attenzione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo

Lascia un Commento