Dove

Le province orientali del nostro Paese sono tra le più interessanti per la loro vocazione enogastronomica. Non hanno nulla da invidiare con altri distretti alimentari italiani o esteri. La zona orientale d’Italia può presentarsi oggi con un nuovo strumento, MANGIATEBENE.IT che le accomuna in un unico portale di promozione gastronomica e turistica, superando le rivalità geografiche che le hanno viste spesso in contrapposizione, a tutto vantaggio delle analoghe iniziative portate avanti invece con spirito di collaborazione da altre regioni.

E’ arrivato il momento di fare gruppo e di presentare le nostre eccellenze del territorio, con capacità di mettere a fattor comune le nostre diversità.

Ecco quindi MANGIATEBENE.IT: strumento per promuovere le attività dei partner che vi aderiscono; mezzo per proporre percorsi ed itinerari enogastronomici; veicolo per far conoscere le proprie produzioni; riferimento comune per organizzare eventi e proposte a tema che raccolgono i partner attorno ad un filone comune.

Per gli utenti, clienti abituali e turisti, un’occasione unica per conoscere le realtà di eccellenza del nostro territorio, per provare menù di degustazione, per passare il loro tempo libero in modo intelligente e piacevole, per progettare con noi itinerari conoscitivi e istruttivi ricchi delle nostre tradizioni.

MANGIATEBENE.IT è uno strumento in continua evoluzione. Se vuoi unirti a noi come partner, segnalaci la tua intenzione nell’apposito modulo “Richiesta adesione a MANGIATEBENE.IT”. Il nostro team valuterà la tua richiesta e ti faremo visita per approfondire la tua proposta. Approfitta del periodo di promozione con adesione gratuita. Non durerà a lungo.

Se invece sei un consumatore, utilizza il modulo di adesione alla newsletter: potrai conoscere le nostre iniziative e partecipare alle promozioni. Il servizio newsletter è gratuito.

A presto: non vediamo l’ora di avervi al nostro fianco!

AVVISO: il sito MANGIATEBENE.IT è un’iniziativa privata che NON usufruisce di alcun finanziamento pubblico. Crediamo fermamente che l’iniziativa deve reggersi sulle proprie gambe e lo può fare solo se il progetto è vincente e crea utilità vera senza gravare sulle risorse pubbliche, che rappresentano sempre un costo per il cittadino.